Creta: escursione alle gole di Samaria


Viaggi in Europa, Grecia, Isole Greche / venerdì, Marzo 19th, 2021

Se siete alla ricerca di una bella escursione a Creta vi consiglio di valutare quella alle Gole di Samaria. Si tratta di un percorso di trekking in discesa di circa 16 km che porta da un’altezza di circa 1200 metri al livello del mare e precisamente al paese di Agia Roumeli.

Il fascino di questo paese (Agia Roumeli) è dato dal fatto che non è accessibile via terra tramite nessuna strada, ma esclusivamente via mare.

Organizzare un’escursione alle Gole di Samaria

L’accesso alle Gole di Samaria si trova in prossimità del paese montano di Omalos ad un’altezza di 1200 metri sul mare. Le gole di Samaria sono incluse in un parco nazionale (c’è un biglietto di ingresso per il parco) e non sono accessibili nel periodo invernale ma esclusivamente quando le gole sono secche.

Il percorso di trekking è di 13km + 3 km fino al villaggio – è disponibile eventualmente un servizio navetta per quest’ultimo tratto del percorso.

escursione alle gole di Samaria
L’ingresso alle Gole di Samaria ph- @poshbackpackers

Cosa portare con se:

  • consigliate le scarpe da trekking (o da ginnastica)
  • crema solare
  • acqua ed eventualmente un pic-nic
  • delle ginocchia di ricambio 🙂

Come raggiungere le gole di Samaria

Raggiungere le gole di Samaria non è semplicissimo, dato che solitamente le si visita con un percorso circolare discesa+traghetto+rientro. Le opzioni per organizzare un’escursione alle gole di Samaria sono sostanzialmente 4.

il panorama Gole di Samaria ph. @poshbackpackers
il panorama ph. @poshbackpackers

1 – Tour Guidato

Se non avete un vostro mezzo di trasporto, una modalità per raggiungere le gole da Chania potrebbe essere quello del tour guidato. I costi si aggirano sulle 25 euro a persona e solitamente partono la mattina presto con rientro la sera.

Direi che come fattori “contro” c’è sicuramente da pensare che la discesa non la farete da soli apprezzando la quiete del luogo. Come “pro” non dovrete pensare a nulla.

2. Bus + Traghetto

Potete raggiungere Omalos in bus da Chania. Una volta terminata l’escursione nelle gole dovrete prendere il traghetto da Agia Roumeli per Sougia o Chora Sfakion e poi il bus fino a Chania.

Per gli orari dei bus potete fare riferimento al sito KTEL.

Per gli orari dei traghetti invece fate riferimento al sito Anendyk.

Le gole di Samaria ph. @poshbackpackers
Le gole di Samaria ph. @poshbackpackers

3. Auto + Traghetto + Bus

Raggiungete Omalos in auto e intraprendete la discesa nelle gole. Arrivati ad Agia Roumeli fate un bel bagno a mare e poi prendete il traghetto per Soygia e poi di li il bus per tornare ad Omalos.

4. Auto + Piedi

Questa opzione vale solo per i coraggiosi, gli sfortunati ed i disorganizzati (ovvero noi). Raggiungete Omalos in auto, scendete e risalite a piedi nelle Gole di Samaria. Nel prossimo paragrafo vi parlerò meglio della nostra (dis)avventura.

Tenete presente che è capitato ai nostri amici di dover risalire a piedi perché il mare era mosso ed avevano sospeso il servizio traghetti.

Raggiungete Omalos in auto, scendete nelle gole e risalite a piedi.

Le gole di Samaria ph. @poshbackpackers
Le gole di Samaria ph. @poshbackpackers

La nostra discesa nelle Gole di Samaria

La notte prima delle discesa nelle gole dormiamo ad Omalos che raggiungiamo un auto. Si tratta di un piccolo e tranquillo agglomerato di case a 1200 metri sul livello del mare. Ceniamo nel nostro alloggio Neos Omalos Hotel (una delle cene più buone della mia vita! con mussaka, vino locale e dolci al miele!) e andiamo a dormire presto.

Vista dalla nostra stanza, Omalos ph. @poshbackpackers
Vista dalla nostra stanza, Omalos ph. @poshbackpackers

La mattina, dopo colazione, ci accompagnano con un minibus all’ingresso, inizio dell’escursione alle nelle gole di Samaria. Iniziamo la discesa per 16km, dall’altezza di 1200 metri al mare. I primi chilometri sono impegnativi per le ginocchia, ma il panorama e la tranquillità meritano davvero.

Passiamo in mezzo ai canyon, fotografiamo le caprette e camminiamo ininterrottamente.

inizio della discesa nelle Gole ph.@poshbackpackers
inizio della discesa nelle Gole ph.@poshbackpackers

Raggiungiamo Agia Roumeli verso l’ora di pranzo, stremati dal caldo più che dalla fatica. Per fortuna che ci siamo avviati presto! Questo paese ha la particolarità di non essere raggiunto da strade. Le uniche vie di accesso sono con il traghetto oppure a piedi scendendo dalla montagna.

escursione alle gole di Samaria ph. @poshbackpackers
escursione alle gole di Samaria ph. @poshbackpackers

Non abbiamo saputo resistere all’idea di pernottare qui e quindi abbiamo prenotato una stanza. L’idea è quella di dormire qui, assaporare la quiete del paese e la mattina dopo tornare alla civiltà con il traghetto e poi bus, cosi da riprendere l’auto ad Omalos.

L’idea appunto…

Perché nella realtà siamo due banane che hanno sbagliato a vedere gli orari dei traghetti…e questo fantastico traghetto della mattina non esiste ed in effetti di traghetti in partenza da Agia Roumeli ce ne sono solo nel pomeriggio.

L’unica scelta è quindi andare via ora col traghetto.

Mio marito lancia l’idea “torniamo su a piedi!” e io subito aderisco. Ok, è deciso ed è ufficiale, la follia si è impossessata di noi: dormiremo ad Agia Roumeli e la mattina dopo, all’alba, ripartiremo a piedi verso i 1200 metri!

Vacanze relax? Non fanno per noi…

Il soggiorno ad Agia Roumeli

Consumiamo un pranzo leggero, prendiamo la stanza e poi scendiamo in spiaggia per guardare il paese che a poco a poco si svuota con i traghetti che partono.

Restiamo praticamente solo noi ed i gestori degli esercizi.

Agia Roumeli ph. @poshbackpackers
Agia Roumeli ph. @poshbackpackers

Ceniamo nella locanda dell’hotel, consumando il peggior pasto della nostra vacanza: una frittura di pesce che sembra surgelata e birra (almeno quella bella fresca), invasi dalle api.

Il sole tramonta, e noi andiamo a letto. Domani sveglia all’alba per tornare su. Ma siamo sicuri sia stata proprio una buona idea? 🙂

Agia Roumeli ph. @poshbackpackers
Agia Roumeli ph. @poshbackpackers

La salita nelle Gole di Samaria

Il sole è appena sorto e noi siamo già in piedi. Nel paese non c’è anima viva e neanche un bar aperto per fare colazione. Abbiamo delle barrette e dell’acqua: andrà bene così.

L'alba, Agia Roumeli @poshbackpackers
L’alba, Agia Roumeli @poshbackpackers

Raggiungiamo l’ingresso delle gole ed iniziamo la nostra salita.

I primi chilometri scorrono veloci e pianeggianti. Ci fermiamo in un punto pic-nic per consumare la nostra umile colazione.

Ovviamente siamo gli unici che salgono, a mano a mano che procediamo incontriamo sempre più gente in discesa. La fatica aumenta e l’ultimo tratto con il caldo è davvero impegnativo.

Gole di Samaria ph. @poshbackpackers
Gole di Samaria ph. @poshbackpackers

Mio marito ha qualche momento di cedimento a causa dei crampi alle gambe (da quel momento in poi porto sempre magnesio e potassio da prendere prima delle escursioni).

Io sono abbastanza allenata, lui un pochino meno. Veniamo sorpassati da una coppia francese, gli unici altri che incontriamo che vanno in salita…. ci doppiano sia come età e come velocità. C’est la vie!

Gole di Samaria ph. @poshbackpackers
Gole di Samaria ph. @poshbackpackers

L’ultimo tratto è il più impegnativo, ma raggiungiamo finalmente la cima. Sono le 14.00 e crolliamo ai tavolini nel baretto all’ingresso del parco.

Ora ci aspetta un altro problema: come raggiungere Omalos che dista 3km? Il sole battente e la fatica ci lasciano scoraggiati, ma fortunatamente scopriamo al bar che a minuti passerà un bus (a quanto pare ce ne sono solo 2 al giorno – se questa non è fortuna!!).

Ed eccolo arrivare. Raggiungiamo l’hotel di Omalos dove pranziamo con insalata greca, litri di acqua fresca ed anguria. Il gestore ci accoglie stupito. Evidentemente non c’è molta gente che follemente affronta la salita.

Magari con una preparazione adeguata non è particolarmente impegnativa, ma per noi è stata una gran fatica, forse anche una follia, ma ce l’abbiamo fatta e ci sentiamo soddisfatti!

Prendiamo l’auto e torniamo a Chania per trascorrere un pomeriggio ed una serata di meritato relax e proseguire la nostra fantastica vacanza a Creta!

E infine…

Vi lascio con qualche foro di Creta. Un’isola meravigliosa che mi è rimasta nel cuore. Le bellissime spiagge di Balos e Elafonissi, l’incatevole Chania, il museo di Heraklion e non ultime le Gole di Samaria.

Spiagia di Balos ph. @poshbackpackers
Spiagia di Balos ph. @poshbackpackers
Spiagia di Elafonissi ph. @poshbackpackers
Spiagia di Elafonissi ph. @poshbackpackers

Ci torneremo sicuramente, perché merita di essere visitata ancora.


Potrebbe interessarti anche:

Condividi l'articolo se ti è piaciuto:

24 Commenti a “Creta: escursione alle gole di Samaria”

  1. Non conoscevo le Gole di Samaria e mi sembrano un’ottima idea per un’escursione a Creta. Permettono di variare un po’ la solita vacanza mare alternandola a qualche altra attività 🙂

  2. Una bella avventura 😂😂 Un’esperienza che non dimenticherete facilmente. Non so se farei un escursione così dura, però visiterei volentieri Creta. Non sono ancora mai stata in Grecia.

  3. A noi Creta ha lasciato un bel ricordo anche se è la meno greca delle isole della Grecia!
    Se dovessimo tornare in questo luogo, visitare le Gole Samaria potrebbe essere un’escursione da tenere in considerazione per esplorare quest’isola immensa.

  4. Ma le ginocchia di ricambio dove si comprano se hai uno spacciatore di fiducia scrivi eh perché servirebbero anche a me che come te vacanza relax anche quest’anno la facciamo l’anno prossimo 😉Creta è una meraviglia e credo che vada vista o forse vissuta per un periodo un po’ più lungo perché è enorme!

  5. Sono morta dal ridere durante tutto il racconto (mi dispiace, sono una brutta persona)! Tra l’altro, proprio ieri parlavamo di andare a Creta quest’estate. Proveremo anche noi ad organizzare una visita alle Gole di Samaria ma, questa volta, staremo attenti agli orari dei traghetti 😂

  6. Durante quella che fu la mia breve vacanza a Creta ho avuto modo di visitare diversi luoghi iconici dell’isola, ma non le Gole di Samaria. E’ anche per questo motivo che spero di tornarci presto dato che la geologia di Creta è veramente interessante (so che vi sono delle pieghe geologicamente spettacolari che non vedo l’ora di poter vedere dal vivo).

  7. Ho sempre voluto visitare Creta ma purtroppo non ci sono ancora riuscita! Il tuo racconto mi ha fatto venire ancora più voglia di andarci!
    L’escursione alle Gole di Samaria sembra davvero interessante e ricca di paesaggi stupendi. Quando ci andrò, ricorderò il tuo consiglio di arrivarci abbastanza allenata ! 😀

  8. La Grecia ha moltissimi percorsi di trekking interessanti. A Creta sono sempre passata con toccate e fughe, senza mai soffermarmi per potermi gustare le possibilità offerte. Non conoscevo questa camminata, ma mi riprometto di farci un salto alla prima occasione. Conosco così poco Creta! Prometto di stare attenta agli orari…

  9. Mi hai fatto ridere di gusto quando hai scritto tra le cose da portare con sé “una paio di ginocchia di ricambio”, in effetti la discesa nelle gole è tanto bella quanto massacrante per le articolazioni. Passerete sicuramente alla storia come quelli che, coraggiosamente, hanno affrontato discesa e salita in queste gole. Anche quando c’ero stata io secoli fa non ricordo di aver visto anima viva a salire ma solo a scendere. In ogni caso si cammina in un luogo straordinario con queste pareti di roccia altissime che creano scenografici canyon ed è a ragione una delle escursioni che merita di essere effettuata soggiornando nell’isola di Creta

    1. Salendo qualcuno ci ha chiesto se avevamo dormito il spiaggia 😀 credo che cosi, senza dormire sarei rimasta li tra i canyon 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.