Giappone in inverno, il mio itinerario


Asia, Giappone / mercoledì, Gennaio 20th, 2021

E’ passato qualche anno, ma ultimamente mi torna spesso in mente il viaggio in Giappone fatto in inverno, precisamente a capodanno.

Leggi anche:

Capodanno sotto la neve a Kyoto

Il Giappone è un paese che ti ammalia: così diverso da tutto quello che avevo conosciuto in Europa, Asia e America.

Tokyo, chiosco ph. @poshbackpackers
Tokyo, chiosco ph. @poshbackpackers

Un paese in cui puoi praticamente mangiare a terra in metro per quant’è pulita 🙂 uno choc davvero forte per una persona che è vissuta a Roma (dove la metro è assolutamente l’opposto), posso assicurarvi.

Un paese in cui per ordinare ti alzi da tavola e lasci la borsa incustodita perché nessuno te la tocca.

Un paese in cui nelle vetrine dei ristoranti vedi le miniature in plastica dei piatti che propongono (e sono davvero delle repliche esatte!).

Vetrina di un ristorante Giappone
Vetrina di un ristorante ph. @poshbackpackers

Insomma, un paese che ho visitato brevemente e in cui mi è venuta voglia di tornare.

Il mio itinerario in Giappone – una settimana in Inverno

Cosa mi spinge a visitare il Giappone per una sola settimana? Semplice: una error fare ovvero una tariffa “errata” di una compagnia aerea (per farla semplice) che ci porta li con un prezzo assolutamente imbattibile e, anche se si tratta di pochissimi giorni, sono davvero felice di aver fatto questa follia 😀

Giorni 1, 2, 3 – Tokyo

Una città vasta e difficile da conoscere in pochi giorni. Il sistema dei trasporti però è ottimo e ci permette di visitare diversi quartieri interessanti.

La nostra prima tappa è Shibuya, un quartiere giovane, caotico e movimentato dove trascorriamo il primo pomeriggio/sera del viaggio.

Shibuya ph@poshbackpackers
Shibuya ph@poshbackpackers

Il giorno successivo sarà la volta del Tsukiji Fish Market e dei quartieri di Roppongi e dell’elettronico Akihabara.

Ristorante al Tsukiji Fish Market
Ristorante al Tsukiji Fish Market ph. @poshbackpackers

Una breve sbirciata ai Giardini del palazzo imperiale, purtroppo chiusi, ed infine una tipica cena giapponese.

Akihabara, Tokyo ph. @poshbackpackers
Akihabara, Tokyo ph. @poshbackpackers

L’ultima giornata a Tokyo ci porta tra antichità e modernità: esploriamo Ueno, il suo parco ed il famoso tempio Sensō-ji affollato per la celebrazione dell’ultimo dell’anno.

Tempio Sensō-ji Tokyo ph. @poshbackpackers
Tempio Sensō-ji Tokyo ph. @poshbackpackers
Ragazze in abiti tradizionali  giapponesi ph. @poshbackpackers
Ragazze in abiti tradizionali giapponesi ph. @poshbackpackers

Nel pomeriggio prendiamo la monorotaia per raggiungere il quartiere Odaiba che si affaccia sulla baia di Tokyo.

Odaiba Tokyo ph. @poshbackpackers

Trascorriamo la serata di capodanno in un minuscolo locale tipico della zona Golden Gai del quartiere Shinjuku prima di recarci in visita ad un tempio per osservare i riti della notte di capodanno giapponese.

Giorni 4 e 5 Kyoto

Arriviamo a Kyoto il 1 gennaio con lo Shinkansen. Avevamo prenotato i biglietti con il nostro Japan Rail Pass all’arrivo a Tokyo. Raggiungiamo il nostro alloggio: una tipica casa giapponese con i muri di carta e il tatami a terra.

Foto da www.yonbanchi.com

L’esplorazione inizia dal Sentiero del Filosofo, dove inizia a nevicare e in poco tempo Kyoto diventa magica, ma davvero difficile da visitare 🙂

Kyoto sotto la neve - Giappone in inverno
Kyoto sotto la neve ph. @poshbackpackers

Un racconto più completo delle 2 giornate a Kyoto potete trovarlo nell’articolo Sotto la nave a capodanno a Kyoto

Kyoto sotto la neve  Giappone in inverno
Kyoto sotto la neve ph. @poshbackpackers

Giorno 6 – Nara e Fushimi Inari

Lasciamo gli zaini nei locker della stazione di Kyoto e prendiamo il treno per Nara.

La prima cosa che colpisce della zona dei templi di Nara è la grande presenza nel parco di cervi: considerati sacri messaggeri degli dei, si muovono liberamente tra i visitatori.

Cervi di Nara
Cervi di Nara ph. @poshbackpackers
Nara
Nara ph. @poshbackpackers

La prima tappa è il famoso Tempio Todai-ji con la statua del Grande Buddha (Daibutsu) in bronzo alto 14 metri.

Grande Buddha Nara ph. @poshbackpackers
Grande Buddha Nara ph. @poshbackpackers

Procediamo poi verso Nigatsudo un tempio che offre viste stupende su Nara.

Nigatsudo Nara
Nigatsudo Nara ph. @poshbackpackers

La giornata prosegue riprendendo il treno direzione Kyoto, con una sosta al Fushimi Inari.

Ci accoglie una fiumana di gente: i primi giorni dell’anno sono giorni in cui ci si reca ai templi e questo è uno di quelli considerati più sacri.

Fushimi Inari - Giappone in inverno
Fushimi Inari ph. @poshbackpackers

Riuscire a fare una foto da sola si rivela davvero un impresa.

Fushimi Inari ph. @poshbackpackers
Fushimi Inari ph. @poshbackpackers

Rientriamo a Kyoto dove prendiamo lo Shinkansen per Tokyo. Purtroppo i treni sono pienissimi e non avendo prenotato i posti a bordo dobbiamo attenderne diversi prima di poter finalmente salire.

La giornata si conclude con un’epica cena nel locale Gonpachi (quartiere Rappongi) divenuto famoso in seguito ad una scena del film Kill Bill di Tarantino. Qui ci incontriamo con un amico che vive a Tokyo ed altri ragazzi che avevano acquistato anche loro i voli con l’error fare.

Giorno 7 – Tokyo

Giusto il tempo di una veloce colazione al 7 eleven e ci rechiamo in aeroporto.

Salutiamo il Giappone, visitato troppo brevemente in questo inverno rigido, con la speranza di poterci tornare presto, magari in primavera 🙂

Condividi l'articolo se ti è piaciuto:

31 Commenti a “Giappone in inverno, il mio itinerario”

  1. Cara Anna, anche io l’anno scorso beccai un ottimo prezzo per il Giappone dall’aeroporto di Bologna (394 euro andata e ritorno) e dovevo partire, ma il Covid aveva già cominciato a presentarsi (anche se al momento era solo in Cina) e mio padre mi vedeva già morta, quindi alla fine per amor suo decisi di sacrificarmi. Oggi ovviamente, visto l’evolversi della situazione, me ne pento! Curiosità: quanto hai pagato? Avevi trovato una tariffa più bassa della mia?

    1. Era un error fare, ovvero un errore della compagnia aerea che lo vendeva. In 2 abbiamo speso 284 euro da Malpensa a Tokyo con scalo a Zurigo all’andata e Vienna al ritorno. Come puoi immaginare non era possibile perdersi quest’occasione. Pensa che l’ho comprato senza neanche consultare mio marito, che era irraggiungibile per lavoro quella mattina, pur di non perdere il prezzaccio 🙂

  2. Bisogna riconoscere che è stato un vero colpo di fortuna; non poteva non essere sfruttato, anche solo per pochi giorni. E poi avete goduto di una bellezza così particolare, così diversa dalla nostra, e forse anche per questo così affascinate. Riguardo alla metro, immagino la tua sorpresa; sono di Roma e ho ben presente la situazione. Ma se ti può consolare, ho preso altre metro in Italia, inclusa Milano, e non le ho trovate troppo diverse…

  3. Sogno da tanto il Giappone. Pensa che l’anno scorso (2020) lo avevo evitato per le imminenti olimpiadi e poi ci siamo beccati la Pandemia! Ora spero di metterlo in programma per il 2022! Con tanta speranza e voglia di visitare questo paese incredibile!

  4. Inverno, primavera, estate o autunno per noi ogni stagione sarebbe buona per ritornare in Giappone… E’ uno di quei viaggi che ti rimane impresso per sempre nella mente!!!
    Noi abbiamo trascorso 15 giorni alla scoperta del Paese del Sol Levante e abbiamo un pò di rammarico per non essere riusciti a vedere Tokyo e Osaka in maniera più approfondita.

  5. Tutti voglio andarci in primavera e tu, invece, hai scelto l’inverno: hai fatto bene! Vedendo la tua foto di Kyoto sotto la neve è venuta una gran voglia anche a me. Adoro le stagioni poco turistiche e credo che il Giappone, sotto il manto nevoso, mostri ancora di più il suo carattere. Spero di visitarlo presto…

  6. Perché a me non capitano mai questi colpi di fortuna?! 🙂 Direi che hai fatto benissimo avrei fatto lo stesso visto il prezzo! L’unico problema, da persona molto freddolosa, avrei un po’ di timore ad andare in Giappone in inverno!

    1. Freddo si, ma nulla più delle temperature che abbiamo qui in Italia nello stesso periodo. Anche io non amo il freddo e non ero proprio preparata a trovarci la neve (neanche come abbigliamento) ma è stata lo stesso una occasione irripetibile 🙂

  7. Anche se vi siete fermati pochi giorni avete visto un sacco di cose. Avete fatto bene a cogliere al volo questa opportunità. Spero che capitino anche a me simili colpi di fortuna!

  8. Non sono mai stata in Giappone, certo vederlo sotto la neve deve essere stata un’esperienza insolita. Ti auguro di poterci ritornare presto con un’altra tariffa scontatissima!!

  9. Hello 🙂
    Your blog looks so great and you build community awareness by providing helpful content. If you wish, you can now participate in the award-winning blogs contest. Add your website and be branded by winning promotions and awards. In the new year, we are organizing the web awards contest again with sponsor support. You can also make your application in the appropriate category for your web page. Please visit webpage for details this contest.

  10. L’error fare, il sogno di ogni viaggiatore incallito! Siamo ancora un po’ “titubanti” sul Giappone, ma prima o poi ci andremo anche noi (magari anche noi becchiamo un error fare). E magari proprio in inverno.

  11. Sono anni che sogno un viaggio in Giappone e devo ammettere che ho sempre pensato al periodo primaverile per via della fioritura ma anche d’inverno deve avere il suo fascino, soprattutto con la neve!

  12. Che dire Anna, mi hai fatto venire una gran voglia di partire e di non scartare l’idea di visitare Tokio in inverno. Io sogno di mangiare il sushi ed il ramen li, ma ora tra i miei desideri c’è anche coccolare i cervi di Nara *-*

  13. Il Giappone mi incuriosisce poco (per ora), ma quando deciderò di visitarlo, credo che opterò per l’estate o magari per la primavera (mi piacerebbe molto vedere la fioritura dei ciliegi). Hai fatto bene ad approfittare del prezzo del volo, trascorrendo così un Capodanno alternativo dall’altra parte del mondo 🙂
    Comunque che meraviglia quel parco di cervi. Su Instagram avevo visto qualche foto, ma non credevo che girassero così tranquillamente tra i turisti.

  14. Noi il tuo stesso viaggio l’abbiamo fatto in primavera con la fioritura dei ciliegi ma penso che in inverno sia meraviglioso in modo diverso. Il mio sogno è andare in inverno in Hokkaido dove fa freddissimo ma vorrei vedere il Festival della Neve, lo Yuki Matsuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.