Visitare Agnone in Molise, il paese delle campane


Italia, Molise / mercoledì, Dicembre 9th, 2020

Lo ammetto, fino a poco tempo fa non avevo mai sentito parlare di Agnone, un piccolo paese del Molise famoso in tutto il mondo per la produzione delle campane.

Si, campane – quelle presenti nei campanili delle chiese. E non parliamo delle moderne campane elettroniche ma delle pesanti e storiche campane in metallo. Ad Agnone infatti ha sede l’azienda Campane Marinelli – Pontificia Fonderia di Campane.

Visitare la Fonderia Marinelli

Si può effettuare una visita guidata al museo ed alla fonderia Marinelli (per gli orari è preferibile telefonare allo 0865 78235, dato che è richiesta la prenotazione e gli orari sul loro sito non sono particolarmente attendibili).

Vi dirò che l’idea di questa visita non mi appassionava particolarmente, quasi mi annoiava l’idea di visitare un museo dedicato alle campane, ma ho dovuto ricredermi! Vi dico solo che la famiglia che possiede questa fonderia produce campane da circa 1000 anni: pensate quanta storia tra quelle mura!

Vi siete mai chiesti che lavoro c’è dietro la creazione di una campana?

Agnone in Molise, il paese delle campane Fonderia Marinelli
Fonderia Marinelli ph. @poshbackpackers

La visita inizia con la proiezione di un filmato interessantissimo che ripercorre tutti i passi della lavorazione di una campana. Il procedimento è lunghissimo e deve essere effettuato con uno studio ed una precisione estremamente meticolose.

Per le campane più importanti (ad esempio l’enorme campana del Giubileo, mostrata nel video introduttivo) è presente anche un prete o addirittura il Vescovo per benedire immediatamente la campana.

Agnone in Molise, il paese delle campane Fonderia Marinelli ph. @poshbackpackers
Le campane della Fonderia Marinelli ph. @poshbackpackers

Tramite una serie di stampi e finte campane in cera e mattoni viene effettuata la colatura del metallo sciolto ad altissime temperature. Un processo davvero affascinante e delicato.

La visita nel museo, guidata da un operaio in pensione della fabbrica, è interessantissima e si conclude con un concerto di campane nella fonderia.

Nel museo e anche nella fonderia non è consentito fare foto, ma ne ho scattato qualcuna all’esterno.

Vedi anche Il mio itinerario in Molise

Le specialità culinarie di Agnone

E se portavi a casa una campana di qualche tonnellata come souvenir può essere un po eccessivo (anche se nel negozio del museo ce ne sono anche di piccoline) non perdetevi d’animo.

Agnone, oltre ad essere il paese delle campane è anche il paese dei confetti! E vi dirò che non conoscevo neanche io questi confetti ricci tipici di questo paese.

I più famosi sono quelli prodotti dalla Dolciaria Carosella.

Confetti della Dolciaria Carosella
Confetti della Dolciaria Carosella ph. @poshbackpackers

Sono confetti ruvidi, un pochino più grandi dei classici confetti e un più morbidi.

Dolciaria Carosella
Dolciaria Carosella ph. @poshbackpackers

Oltre ai confetti, potete portare a casa con voi da Agnone un bel caciocavallo. Noi ne abbiamo fatto scorta in 2 posti, cercando di individuare i caseifici migliori. Ma chiedendo ad una persona del posto ci ha detto “qui sono tutti buoni” ed in effetti i formaggi che abbiamo preso erano proprio buoni.

  • Caseificio Di Nucci – abbiamo preso un pezzo di uno fresco al tartufo ed uno più stagionato
  • Caseificio Antenucci

Vi lascio con un’ultima foto di Agnone: anche il suo centro storico e le sue chiese meritano una visita. Pensate che ci sono ben 14 chiese: immaginate quante campane 🙂

piazza Agnone ph. @poshbackpackers

Seguitemi su Instagram per non perdervi i miei viaggi 🙂

Condividi l'articolo se ti è piaciuto:

16 Commenti a “Visitare Agnone in Molise, il paese delle campane”

  1. E’ proprio vero che in Italia abbiamo un sacco di eccellenze il più delle volte poco conosciute!
    Un paesino così piccolo famoso per le campane e per i confetti non è assolutamente cosa da poco!
    Grazie per averci fatto fare un piacevole viaggio attraverso le tradizioni di una regione davvero poco nota!

  2. Ci è successo lo scorso anno di poter ammirare da vicino l’enorme campana di una chiesa, che era stata appena restaurata e dunque lasciata per un po’ all’interno dell’edificio per essere vista da vicino prima di venire nuovamente installata nel campanile. Una sola campana è bastata ad affascinarci, quindi non oso immaginare un intero paese, assolutamente da mettere in lista!

  3. Come te non avevo mai sentito parlare di Agnone ma la storia delle campane mi ha incuriosito e immagino che la visita alla fonderia sia stata interessantissima. A me piace molto il suono delle campane, a volte festoso, a volte mesto e comunque molto coinvolgente.

  4. Ricordo distintamente di aver sentito parlare di Agnone in un documentario di Geo quando ero piccola: mi impressionò (in modo positivo) questo luogo dove ancora si producono le campane, non so perchè mi rimase impresso!

  5. Ho visitato questa fonderia tantissimi anni fa, per lavoro, quando, giovanissima, lavoravo per una casa editrice specializzata in metalli e fonderie. La visita mi ha stupito e aperto un mondo: le campane hanno storie incredibili e metodi di produzione diversi a secondo del suono che dovranno riprodurre. Quello che mi è mancato però è stato il giro culinario (interessantissimo!) della zona. Tornerei volentieri anche per i dolci, oltre che per rivedere la fonderia!

  6. Lo ammetto anche io: prima di leggere questo articolo non avevo mai sentito parlare di Agnone e delle sue campane😅. Me lo appunto perché potrei farci una tappa, infatti, non appena si potrà, avevo pensato di fare proprio un weekend lungo in Molise e stavo giusto pensando il possibile itinerario da fare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.