Visitare il tempio Doi Suthep e le cascate di Mae Sa, Thailandia


Thailandia / sabato, Febbraio 1st, 2020

Se si passa qualche giornata a Chiang Mai non si può non visitare il tempio Doi Suthep ad una quindicina di chilometri dal centro città.

Qui trovi le mie indicazioni su Cosa vedere a Chiang Mai

tempio Doi Suthep
tempio Doi Suthep ph. @poshbackpackers

Raggiungere il tempio Doi Suthep

Esistono vari tour organizzati per raggiungere questo tempio e le zone circostanti che potete acquistare tramite il vostro hotel oppure in una delle tantissime agenzie della città.

E’ però una gita che potete organizzare per conto vostro con un notevole risparmio. Io poi lo preferisco e devo confessare che l’adrenalina del fai da te è notevolmente superiore rispetto ad un tour e permette di vivere un’avventura.

Innanzitutto esistono dei Songthaew (pick-up rossi) che partono dall’università di Chiang Mai e con 40 baht permettono di raggiungere il tempio. Considerate però che per raggiungere l’università dovrete prendere un altro Songthaew.

Alcuni scelgono di noleggiare un motorino, ma io sono troppo spaventata dai mezzi a 2 ruote per prendere in considerazione questa ipotesi e non essendo per nulla esperti ne io ne mio marito non mi è sembrato il caso.

Noi abbiamo scelto di contrattare e noleggiare per una giornata un pick-up rosso (Songthaew), fermandone uno a caso per strada. Non so se siamo stati bravi o meno, ma abbiamo spuntato la cifra si 800 baht compresa l’attesa del nostro autista al tempio e successivamente alle cascate. Per raggiungere il solo tempio (andata e ritorno) con un Songthaew privato ci dicono si possa pagare anche 450/500 baht.

L'emozionante gita sul pick-up rosso @posh_backpakers
L’emozionante gita sul pick-up rosso @posh_backpakers

Perché visitare il tempio Doi Suthep

Uno dei templi più importanti della Thailandia, il tempio Doi Suthep si trova su un’altura panoramica fuori dal centro (a circa 15km).

Arrivati ai piedi del tempio potete scegliere se salire lungo la scalinata (circa 300 gradini) oppure prendere la funicolare. La scalinata è all’ombra ed è molto bella da percorrere e non particolarmente faticosa. Per tutta la sua lunghezza è percorsa ai lati da 2 grandi serpentoni colorati.

Visitare il tempio Doi Suthep
Scalinata tempio Doi Suthep @posh_backpackers

Secondo la leggenda il luogo in cui costruire questo tempio fu indicato da un elefante bianco sacro che trasportava le reliquie di Buddha. Alcune di queste reliquie sono conservate nel tempio, altre scomparvero insieme all’elefante.

All’interno del tempio si trova uno dei chedi più venerati della Thailandia, completamente ricoperto in foglia d’oro. Il tempio è strutturato come una serie di cerchi concentrici.

tempio Doi Suthep @posh_backpackers
tempio Doi Suthep @posh_backpackers

Dal tempio si gode di una bella vista sulla città sottostante. Molto visibile anche lo smog nel periodo in cui eravamo li.

tempio Doi Suthep @posh_backpackers
tempio Doi Suthep @posh_backpackers

Per visitare il tempio è necessario coprire le spalle, portare indumenti lunghi fino alle ginocchia e togliere le scarpe prima di entrare nelle strutture (basta osservare i cartelli).

Le cascate di Mae Sa

Avevo letto di alcune cascate presenti nel Parco nazionale Doi Suthep nei dintorni del tempio e col caldo di aprile mi era venuto un gran desiderio di andarci.

Chiediamo al nostro autista di Songthaew di portarci alle cascate – facciamo un primo tentativo a pochi chilometri dal tempio ma la guardia del parco ci indica che sono secche, essendo aprile una stagione di scarse piogge.

Ma l’autista del pick-up non si perde d’animo e su consiglio del guardiano ci porta a Mae Sa a parecchi chilometri dal tempio.

Cascate di Mae Sa @posh_backpackers
Cascate di Mae Sa @posh_backpackers

L’ingresso al parco (sia per il veicolo che per le persone) ha un costo. Non ricordo quanto fosse, ma si trattava di una cifra ragionevole.

L’autista ci attende mentre noi ci avventuriamo e ci tuffiamo tra le varie cascate.

Io sotto le Cascate di Mae Sa @posh_backpackers
Io sotto le Cascate di Mae Sa @posh_backpackers

Ci sono pochissimi turisti, la più parte dei gitanti è thailandese e consuma degli invitanti pic-nic.

Cascate di Mae Sa @posh_backpackers
Cascate di Mae Sa @posh_backpackers
Cascate di Mae Sa @posh_backpackers
Cascate di Mae Sa @posh_backpackers

Finito di sguazzare, ci facciamo riaccompagnare a Chiang Mai dove salutiamo e ringraziamo il nostro autista.


Leggi anche:

Seguimi su instagram per non perderti le mie foto @posh_backpackers

Condividi l'articolo se ti è piaciuto:

24 Commenti a “Visitare il tempio Doi Suthep e le cascate di Mae Sa, Thailandia”

  1. Di recente ho letto che  nei pressi del tempio, definito, ovviamente un gioiello della cultura thailandese, c’è una scuola di meditazione aperta a coloro che intendono fare esperienze simili l’avete visitata? Ti dirò quella zona con le cascate mi piace da morire!

  2. Che cosa posso dire? Mi sono innamorata di queste foto bellissime che avete fatto. Da sempre è uno dei nostri sogni andare a Chiang Mai e dintorni. Soprattutto per l’idea dei coworking e la possibilità di parlare con chi fa il nostro stesso lavoro. Le cascate sono particolarissime e danno l’idea di un posto esotico ma comunque vicino casa.
    Non vedo l’ora di andarci davvero 😉
    Grazie per questa preziosa condivisione

  3. che posto stupendo, ho sempre desiderato buttarmi sotto l’acqua di una cascata qui sembra davvero un’emozione unica. Le tradizioni orientali io le adoro andrebbero studiate molto più a lungo, mi interesso molto di paesi come India, Tibet ……

  4. Mi “avanzava” una giornata a Chiang Mai, e ho visitato proprio il Doi Suthep! Eravamo indecisi con il Doi Inthanon, e non so se alla fine era meglio questo o l’altro. Tu hai visitato il Doi Inthanon?

  5. La Thailandia fa parte di quei paesi che ci sono rimasti nel cuore, davvero stupenda. Non abbiamo potuto però visitare il nord, la zona di Chiang Mai perché avevamo bisogno di mare quindi sicuramente dovremo tornare. Mi segno il tempio e le cascate perché mi piacerebbe poterle inserire in un futuro itinerario.

    1. Devo dire che il nord è la zona che mi è piaciuta di più. Se tornassi in Thailandia sceglierei sicuramente di andare di nuovo in quella zona.

  6. Ma che bella escursione! Prendo nota per quando andrò in Thailandia (spero di andarci presto). Per fortuna c’è anche la funicolare altrimenti avrei perso mr G in partenza 😂

    1. Ma lo facevano anche i bambini 🙂 e poi col caldo che c’era e dopo aver viaggiato su un pick-up aperto in mezzo allo smog avevo proprio voglia di tuffarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.